about     news     mailorder     download     contact     home    






about


Beh, non che ci sia granché da dire.

MFA Prod. nasce come "costola" di Motherfuckart, pseudo-casa editrice che pubblica libretti autoprodotti di Poesie e racconti dal 1997.

Nel 2000, appare sui banchetti promozionali del collettivo il Cd-Promo "Velenocresce" de La Good Equipe, che riscuote un discreto successo di critica presso riviste specializzate e webzine. Da qui l'idea di mettere le risorse di MFA Prod. al servizio di quei musicisti e performer che avessero l'intenzione di legare i propri destini e la propria creatività con quelli del collettivo di scrittori.

MFA non impone pertanto alcun vincolo di genere o stile: preferisce la Musica che Coinvolge, non necessariamente Diverte, sicuramente Provoca, difficilmente Svaga.

 


 

I singoli e i gruppi musicali attualmente coinvolti sono:

 

Hikobusha

Ballate elettroniche che mischiano il cantautorato alla Luigi Tenco con lo stile "soul" di Joe Henry e Mark Lanegan. Un incedere scuro e orchestrale, che sovrappone l'amore per i Portishead ai campionamenti della migliore Mina. Elettrorock d'autore.

 

 

MU.

"Il nulla (MU) come negazione della presenza nega l'esistenza di un ente in un luogo o in assoluto". Scarno e pungente. Atmosfere cupe e minimali. Tra paesaggi folk e della tradizione. Stille elettriche. Un discreto lirismo d’impatto. Un’ottima verve interpretativa. Il protagonista gioca su alcune lontane parentele che riportano a Beck e ai suoi fratelli. Dettagli. MU va tenuto d’occhio.

 

 

DjMassi [a.k.a. Defmarze]

Rapper, remixer e produttore, attivo dal '97, ha realizzato diversi progetti solisti e collaborazioni con artisti della scena hip-hop (e non) nazionale ed internazionale. Autore del  marchio Shaft con Davide Gammon, ha firmato lisergici mix-tape in bilico tra avant-pop e abstract funk ("Storyteller killz the Starsystem"). Sta attualmente lavorando al suo ultimo progetto: Bounce Belvedere (con Mc Gara e DjAgly).   

 

 

Prima Origine

Registrato interamente in un appartamento della provincia di Milano, con l'aiuto (tra gli altri) di F. Fogagnolo, M. Coassolo e ONQ, il cd d’esordio di Prima Origine unisce canzoni come mezzi non convenzionali, seppur restituite con semplicità ed un’armonia diretta, attraverso l’utilizzo talvolta originale della chitarra folk e il sostegno secondario della classica, di brevi contrappunti di pianoforte, basso elettrico e 2^ voce femminile.

 

 

John Ford

I John Ford nascono a Varese nella primavera 2005. Le coordinate sui cui si muovono evidenziano  una passione sfrenata per le ritmiche wave intrecciate da grossi riffs di chitarra. La sensazione è come se da un momento all’altro dovessi iniziare a correre senza sapere perché, ... sta arrivando un uragano nero di polveri e macerie. L’indie statunitense è la cornice di un quadro controverso e cangiante: sprazzi di math rock con tempi sfasati,  chitarroni potenti e linee di basso godibili, ed il conclusivo quanto sorprendente sconfinamento nell’elettronica.

 

 

Henry Hugo

[licenza concessa dall'artista e da untuned records]

La naturale eleganza di fiabe che soffiano su un paesaggio western. Canzoni trascinate da una voce inconfondibile, impareggiabilmente stonata, alcolica e vera, come le poesie che hai dimenticato nel cassetto della tua selvaggia giovinezza perduta. Questo cantautore nato a Buenos Aires e girovago per vocazione vi farà spiare il mondo capovolto dei sogni. Incide con i suoi Kindred Souls, un combo di musicisti provenienti da ogni angolo (s)conosciuto. Si prega di ascoltare a notte fonda, con televisore acceso sul nulla e un bicchiere di spirito in mano.

 

 

A.P.A.S.H. 

Nel 2004 producono il primo full album Impedence Days che si esaurisce in pochi concerti e viene riproposto in varie edizioni, una delle quali proposta da Artifaith Music e distribuita in Giappone, il paese dove la band ha un pò più di seguito. Ora il trio produce un nuovo album, 2012, troppo indie per i centri sociali, troppo punk per i locali fighi, troppo fighetto per i metallari, troppo lo-fi per i bacchettoni, troppo rock per i fighetti, troppo indietro per i ranzani...