...Solo Voodoo Canzonette.

Blues cinematico. Loop, armonica e chitarra per ballate in penombra.

Fate incontrare David Lynch e Jim Jarmush per una briscola notturna, in una trattoria a ridosso della Statale. Il locale e' gestito da Little Tony e Vinicio Capossela.
Il tizio nell'angolo, attaccato ai videopoker, e' proprio Mark Lanegan.
La musica che esce dalle casse impolverate e' "Badlands", di Dirty Beaches.

Lo ascolto sempre, mentre pulisco i tavoli.

Andrea Venezia assaggia svogliato i salatini della settimana scorsa, chiedendo whisky a credito. Nel parcheggio, Johnny Dowd sta imprecando per la calura di fine estate e per i risultati degli anticipi di campionato. Il traffico procede lento e imbronciato.
La gente non ha voglia di tornare dalle ferie.

Canzoni da balera in subaffitto.

Storie da bar. Colonne sonore per corti mai girati... Cose cosi'.

Disponibile da subito per serate, matrimoni, funerali, cresime e inaugurazioni di autolavaggi. Prezzi modici.

Qualche idea. Ben confusa.

Uscito (praticamente) vivo dagli anni '90.
Suonato con svariate band alternative. Molto suonato, in effetti.

Braccia rubate a lavori piu' sicuri. A partire dal punk e psycho-billy degli esordi, passando dall'elettronica, fino al blues elettronico del presente. Una specie di brutta copia di Elvis... troppo stupido per essere poeta. Troppo furbo per essere cantante.